HOME VITA OPERE CASA BIAMONTI BIBLIOGRAFIA CRITICA SPAZIO APERTO ALBUM EVENTI ASSOCIAZIONE
2002 2003 2004

 

Il tempo narrativo

Qualche settimana fa il nostro Filippo D'Eliso parlò ad alcuni di noi del suo lavoro sul poeta Francesco Biamonti ('poeta' mi piace più di 'romanziere', visto il suo particolare modo di scrivere ... grazie, Filippo, per la strada aperta). Non lo conoscevo fino a qualche giorno fa, quando ho acquistato il suo ultimo lavoro, pubblicato postumo ed incompiuto (come mi piace l'incompiutezza!!!) ed intitolato "Il silenzio". Ebbene, ciò che mi ha colpito di più è stato il suo personalissimo modo di trattare il 'tempo narrativo', dilatandolo ed accorciandolo di continuo in una serie di pause ed accelerazioni che avevano un che di musicale e che mi facevano pensare all'idea della musica di Thelonious Monk e quindi del suo erede spirituale Steve Lacy, scomparso dieci giorni fa. Tra l'altro Lacy ha realizzato molti lavori utilizzando testi di poeti, per cui l'accostamento potrebbe calzare. Mi sono poi venuti in mente alcuni dischi, ascoltati in passato, che hanno una loro peculiarità proprio nel trattamento particolare del tempo, delle note e delle pause, dei pieni e dei vuoti, a generare una sorta di incertezza emotiva dovuta proprio all'attesa, ad una fase di passaggio particolarmente intensa.

Francesco Varriale
Napoli 15 Giugno 2004